Categorie
News

Inauguration of the first Liquimet LNG fueling station at Padova Interporto

21st of April 2017– Starts from Padova the GAINN4DEP: Liquimet opens at the inland terminal the first Italian LNG public mono-fuel. The station is the first element of the GAINN4DEP, the Italian program for the development of the national LNG transport. Simultaneously, Iveco delivers to Automarocchi 20 trucks Stralis as first part of all its program to convert the entire fleet of vehicles in full LNG.

The following high ranking officials made inauguration speeches: Padova Region President Mr. Enoch Soranzo, Padova Chamber of Commerce Mr. Fernando Zilio, Regional Councilor for Economic Development Mr. Roberto Marcato, and congratulated both newly elected Mr. Sergio Gelain (Interporto president) and Mr. Zeno D’Agostino (Assoporti president)

Mrs. Isabella De Monte, MEP of the Transport Commission made some significant comments. Three the keywords for Mrs De Monte: competitiveness, innovation and sustainability.On the 31st of May a dossier for sustainability, focusing on vehicles transport systems, will be tabled by the European Commission. A proposal addressing new regulations for fuels and road tolls will be also addressed. Italy is 8 years ahead of the European deadline which prescribes the building of refuelling infrastructure in the major hubs by 2025 that are different to petrol and in particular LNG specifically for maritime and heavy road transport.

Padova refuelling Station 

The structure of the station, initially realized with one LNG refueling bay and one CNG refueling bay, is designed to allow the extension up to 4 bays with double dispenser, in order to increase the fueling potential up to 500 vehicles per day. The innovative solutions studied for the methane security includes piping and aerial devices which are encapsulated in exhaust vents to convey upwards any accidental methane emissions, avoiding any possible flammability conditions in the refueling area.

The LNG doesn’t arrive at Padova inland refueling station via road from Marsiglia or Barcellona but by railways in ISO containers from Rotterdam, in line with the GAINN4DEP principal of reduction of carbon footprint and road traffic. Waiting for the network to enrich the LNG coastal storage(GAINN4DEP requires at least 4) from which it would refuel ships and ISO-containers. The ISO-containers could go on ferry or vessel to allow a sustainable LNG delivery to South of Italy and to the Islands.

“If the all fleet (about 2000 vehicles) that are daily coming to the Padova Interport will be converted to LNG, the result will be equivalent to of having a bush with 2 million of new trees. Methane is an inexhaustible energy source available all around us: bio-methane that is naturally developed in the atmosphere is increasing and will allow us to be energy independent. Bio-methane could be recoverable from agriculture, livestock, forest and from urban waste. Bio-LNG production (Bio-liquid-methane) is necessary and possible. The 2009/28/CE Directive objective is to reach the 10% of energy from renewable sources for transport by 2020. The Energy Roadmap 2050 of the EC objective is to reach the 85% reduction of CO2 emissions in the atmosphere by 2050. In this scenario, Padova station is just the first step of a program that will completely change the heavy duty transports concept, creating a huge positive impact on our health and environment” said Mr Antonio Nicotra, Liquimet President.

“This first LNG public mono-fuel refueling station, is one part of our bigger project to create an advanced logistic sustainable centre. Since the beginning, Padova Interport focused on  the environmental sustainability, becoming one of the most important inland terminal for maritime transports, thanks to its developed rails connections to the terminal. 4 portal electric cranes on rails (RGM) are going to be installed in the next few months. These will replace the existent self-propelled wheeled cranes currently in use. This measure will enhance the Interport service capacity. Again, we conceived and developed Cityporto, which is considered the best urban delivery service of goods using low environmental impact. The largest photovoltaic installation in Italy has been placed on the warehouses rooftops. With this outstanding environmental commitment it is natural for us, looking to the future, not to neglect the importance of LNG. Liquified Natural Gas will be a revolution in transport over the coming years and not only for roads” said Roberto Tosetto, General Director of Padova Interporto.

New Iveco vehicles delivered to Autamarocchi 

Oscar Zabai, CEO of Autamarocchi  and Pierre Lahutte brand President of IVECO, build a great partnership. In the new Iveco LNG Stralis NP (Natural Power), the natural liquified gas is stored in ISO containers at -125C and than sent to the engine in a  gaseous state, after been warmed up by a heat exchanger. LNG is the most eco-friendly fuel for internal combustion engines, capable to bring significant environmental advantages: 32% reduction of NoX emissions, 99% of PM and 95% of CO2 using bio-methane (well proven technology already compatible with Iveco New Strolls NP). The New Iveco Strolls Np (full LNG) in the specific, it’s equipped with 400 hp engine and a range of up to 1500km. That’s the reason why it has been adopted by Autamarocchi in medium, long-distance and heavy duty transports usage.

Autamarocchi, one of the Italy’s prime road transport companies, has choosen Iveco technology with its natural gas-fueled trucks to follow their policy of sustainability and ecology.

GAINN_IT Initiative and GAINN4DEP project

After 2 years of study and design, the 21st of April is the “D” day for the GAINN initiative with the opening by Liquimet , part of Gaskin Group, of the first Italian mono-fuel LNG refuelling station in Padova inland terminal.The station is specifically dedicated to heavy duty vehicles. “D” as deployment, with GAINN4DEP starts the implementation of the national phase for the establishment of the network refueling points and LNG storages for maritime and road transport: a project that will involved 1,27 million Euros in the period of 2017-2022. The aim of GAINN_IT, promoted by Italian Ministry of Infrastructure and Transport in April 2014 is to define, prototype, test and implement the Italian Network of Infrastructure of Alternative Fuels, mainly addressing the LNG as an alternative fuel for both maritime and road transport. The first phase of the GAINN_IT (GAINN4CORE, GAINN4MOS) has been approved from the EC obtaining European co-funds.

“The GAINN4DEP, which aims to create the minimum network needed to address anticipated fuel requirements for the start-up period (2019-2022) is the result of a collaboration between entrepreneurs. From 2019 the first Italian LNG fuelled cruise ships will operate in the Mediterranean sea. Each vessel will consume an amount of fuel weekly that is equivalent to the capacity of 30 motor vehicle refuelling stations: a unique occasion for Italy to launch the Network”, said Evelin Zubin, President of the CS Mare. Center of Services for the sea that follow the GAINN_IT of which Liquimet is an actor. “To catch this opportunity we all need to make our potentials available and in this context fits ALIS and the Italian Strategic System as enabling factors.There is no point to use LNG if we are unable to deliver it in a sustainable way and without an increase in road traffic congestion, as Autamarocchi pointed out. Today with Liquimet station, (the first of the over 15 planned by GAINN4MED), the “D” day of LNG has started. A long but challenging journey.”

Before the conclusion, communications by the representative of the European Transport Commission are read. The importance of the DAFI Directive is underlined together with the harmonization of the standards adopted by the Member States. The conclusion of the day are left to the Government Rapresentants: Mrs Mariagrazia Cacopardi, MIT executive, Mrs Liliana Panei, MISE executive and Mr Mario Dogliani, GAINN project coordinator for MIT.

 

[1] The methane is the only hydrocarbon with lower vapors than air (so they dissipate upward). All the other petrol fuels instead, GPL included, have heavier vapors than air (so they layers downward). Operating and Safety methane devices  must be different from the one dedicated to the traditional fuels stations.

[2] 1 tree absorbs 20kgCO2/year ñ 1 truck full-LNG reduces the CO2 emissions of 20,000kg/year

Categorie
News

Inaugurazione della prima stazione di rifornimento Liquimet presso l’Interporto di Padova

21 Aprile 2017 – Parte da Padova GAINN4DEP: Liquimet apre all’Interporto il primo distributore italiano mono-fuel pubblico di LNG. La stazione è il primo elemento di GAINN4DEP l’iniziativa Italiana per la realizzazione della rete nazionale LNG per il trasporto. Contestualmente, Iveco consegna 20 automezzi Stralis full-LNG ad Autamarocchi: primo lotto del programma verso la totale riconversione della flotta all’LNG.

Sono presenti danno il benvenuto le autorità provinciali e regionali: il presidente della Provincia di Padova, Enoch Soranzo, il presidente della Camera di Commercio di Padova, Fernando Zilio, l’assessore regionale allo sviluppo economico, Roberto Marcato, che hanno anche salutato il neo eletto presidente dell’interporto patavino, Sergio Gelain ed il neo-eletto presidente di Assoporti Zeno D’Agostino.

Incisivo il messaggio di Isabella De Monte Europarlamentare componenete della Commissione Trasporti: “le tre parole chiave sono competitività innovazione e sostenibilità, il 31 Maggio la Commissione presenterà il dossier sulla sostenibilità, con focus sul sistema degli autotrasporti e proposte di nuove regolamentazioni dai pedaggi ai carburanti; in questo caso specifico l’Italia si attiva con 8 anni di anticipo sulla scadenza Europeache ha chiesto agli Stati Membri di attivare i punti di rifornimento dei carburanti alternativi al petrolio, ed in particolare LNG per il trasporto pesante marittimo e terrestre, nei principali nodi infrastrutturali entro il 2025”.

La stazione di rifornimento LNG a Padova Interporto
La struttura della stazione, inizialmente realizzata con una baia per rifornimento LNG ed una per CNG, è prevista per consentirne l’estensione fino a quattro baie con doppio erogatore, aumentando la potenzialità di rifornimento fino a 500 veicoli al giorno. Le soluzioni innovative studiate per la sicurezza del metano includono la realizzazione di tubazioni e dispositivi aerei incapsulati in camini di scarico verso l’alto per convogliare in alto le eventuali dispersioni accidentali di metano[1], evitando di causare condizioni di infiammabilità nell’area di rifornimento.

L’LNG non arriva alla stazione di rifornimento di Interporto Padova via strada da Marsiglia o Barcellona, bensì con ISO containers intermodali per ferrovia da Rotterdam, in linea con il principio di GAINN4DEP di riduzione della carbon footprint e di decongestione del traffico stradale. In attesa che la rete si arricchisca dei depositi costieri di LNG (GAINN4DEP ne prevede almeno 4) da cui rifornire le navi e gli ISO-containers, questi ultimi possono anche viaggiare su traghetto o nave porta containers per consentire una consegna di LNG “sostenibile” anche in Sud Italia e nelle isole.

“Se l’intera flotta di circa 2000 automezzi/giorno che gravitano sull’Interporto di Padova si convertisse all’LNG, infatti, si otterrebbe un beneficio equivalente all’impianto di un bosco con 2 milioni di nuovi alberi[1]. Inoltre il metano è una fonte inesauribile di energia disponibile tutt’intorno a noi: le quantità di bio-metano che si sviluppano naturalmente nell’atmosfera e che sono recuperabili dagli scarti della zootecnia, dell’agricoltura e delle estensioni forestali, oltre che dai rifiuti urbani, sono sempre crescenti e possono consentire di renderci energeticamente sufficienti e non dipendenti dalle importazioni. La produzione di bio-LNG (bio-metano-liquido) è necessaria e fattibile: il 10% di quota rinnovabile nei trasporti entro il 2020 è l’obiettivo della Direttiva 2009/28/CE e l’85% di abbattimento delle emissioni di CO2 nell’atmosfera entro il 2050 è l’obiettivo della Energy Roadmap 2050 della Commissione Europea. Per questo la stazione di Padova è solo il primo passo di un percorso che rivoluzionerà il trasporto pesante e, di conseguenza, avrà un enorme impatto positivo sulla nostra salute e sull’ambiente” ha sottolineato Antonio Nicotra, Presidente di Liquimet.

La realizzazione di questo primo distributore pubblico di LNG, è parte del nostro più ampio progetto di creazione di un vero e proprio centro avanzato della logistica sostenibile. Fin dalla sua nascita, Interporto Padova ha puntato sulla sostenibilità ambientale, diventando uno dei principali terminal terrestri per il trasporto marittimo, proprio grazie ai collegamenti ferroviari sviluppati con il proprio Terminal Intermodale. Nei prossimi mesi il terminal sarà potenziato con l’installazione di 4 gru elettriche a portale (RGM) che ne raddoppieranno la capacità a parità di superficie. Ancora, abbiamo ideato e sviluppato Cityporto, considerato il migliore servizio di distribuzione urbana delle merci con mezzi a basso impatto ambientale, e realizzato il più grande impianto fotovoltaico su tetto d’Italia sfruttando le coperture dei nostri magazzini.  Guardare al futuro per noi è naturale, e non potevamo trascurare una rivoluzione come quella che il metano liquido porterà nei prossimi anni nel trasporto, e non solo in quello su strada” ha dichiarato Roberto Tosetto, Direttore Generale di Interporto Padova.

I nuovi veicoli Iveco consegnati ad Autamarocchi 
Oscar Zabai
, ammistratore delegato di Autamarocchi, e Pierre Lahutte, brand president di Iveco, presentano una partnership importante: nei nuovi veicoli LNG Stralis Natural Power di Iveco, il gas naturale liquefatto è immagazzinato allo stato liquido a -125-135 °C in serbatoi criogenici ed è convogliato al motore come gas naturale allo stato gassoso, dopo essere stato scaldato in uno scambiatore di calore. Ai notevoli vantaggi in termini di riduzione delle emissioni, già conseguiti con la tecnologia CNG.  L’LNG, che consente una riduzione delle emissioni di NOx del 32% di PM del 99% e di CO2 fino al 95% in caso di utilizzo di biometano (forma energetica per la quale i Nuovi Stralis Natural Power sono già compatibili). In particolare il nuovo Iveco Stralis NP (Full LNG) vanta una potenza di ben 400 CV ed una autonomia superiore ai 1.500 Km, per questo è stato scelto da Autamarocchi per l’impiego nel trasporto a medio raggio e pesante, dei containers. Un’azienda tra le maggiori nei trasporti in Italia sceglie dunque la tecnologia di Iveco e l’alimentazione a gas naturale per perseguire la sua politica di trasporti su strada sostenibili e rispettosi dell’ambiente.

L’iniziativa GAINN_IT e il progetto GAINN4DEP
Dopo una fase di studio e progettazione di oltre 2 anni, il 21 Aprile scocca il “D day” per l’iniziativa GAINN con l’apertura da parte di Liquimet, società del Gruppo Gasfin, presso l’Interporto di Padova della prima stazione italiana mono-fuel di carburante LNG (gas naturale liquefatto) mirata al servizio del traffico pesante. D come deployment, con GAINN4DEP inizia la fase realizzativa dell’iniziativa nazionale per la creazione della rete di punti di rifornimento e depositi di LNG (gas naturale liquefatto) per il trasporto marittimo e stradale: un progetto che comporta un investimento complessivo stimato in 1,27 miliardi di euro nel quinquennio 2017-2022. L’obiettivo dell’iniziativa GAINN_IT, lanciata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nell’aprile 2014 è definire, prototipizzare, sperimentare ed implementare la Rete Italiana delle Infrastrutture di Combustibili Alternativi, in particolare dell’LNG per il trasporto marittimo e stradale. La prima fase di GAINN_IT (GAINN4CORE, GAINN4MOS) è stata approvata dalla CE ottenendo cofinanziamenti europei.

GAINN4DEP, finalizzata alla realizzazione della rete minima a geometria variabile necessaria per far fronte alla domanda prevista nel periodo di start-up (2019 – 2022), è frutto della collaborazione tra gli imprenditori. A partire dal 2019 inizieranno ad operare nel Mediterraneo le prime grandi navi da crociera alimentate a GNL, ognuna delle quali richiederà un quantitativo settimanale di combustibile pari a quello di 30 distributori per autotrazione: un vero volano ed una occasione irripetibile per l’Italia per far decollare la rete” ha sottolineato Evelin Zubin, Presidente del Centro Servizi per il Mare che coordina, su mandato del Ministero delle Infrstrutture e dei Trasporti, GAINN_IT di cui Liquimet è tra gli enti attuatori. “Per cogliere questa opportunità dobbiamo tutti mettere a disposizione le nostre capacità. In quest’ottica si inserisce il ruolo di ALIS e del sistema logistico nazionale, non solo un potenziale utente, come evidenziato da Autamarocchi, ma un fattore abilitante: non serve avere LNG se non siamo in grado di distribuirlo in maniera sostenibile e senza aumentare la congestione sulle nostre strade. Oggi con il distributore di Liquimet, il primo di oltre 15 previsti da GAINN4MED, iniziamo un percorso difficile ma molto stimolante, il D day del LNG”.

Dopo la lettura dei comunicati ricevuti dalla Direzione Trasporti della Commissione Europea a sostengo della Direttiva AFI ed all’armonizzazione degli standards adottati dagli Stati Membri, le conclusioni dell’evento sono affidate ai rappresentanti del governo: Mariagrazia Cacopardi, funzionario MIT, Liliana Panei, funzionario MISE e Mario Dogliani, Coordinatore dell’iniziativa GAINN per conto del MIT.

 

[1] Il metano è l’unico idrocarburo con vapori più leggeri dell’aria (quindi si disperdono verso l’alto), mentre tutti gli altri combustibili petroliferi, incluso il GPL, hanno vapori più pesanti dell’aria (quindi stratificano verso il basso). Per tale motivo i dispositivi di esercizio e sicurezza del metano devono essere differenti da quelli dei distributori di carburanti tradizionali.

[2] 1 albero assorbe 20kgCO2/anno – 1 trattore full-LNG riduce emissioni di CO2 di 20,000kg/anno